Migranti nella notte





Il frastuono dei pensieri
echeggia nella stiva.

Stelle binarie quegli occhi
nel cielo d’inchiostro,
che col mare si fonde, e confonde.

Vite sospese tra passato e futuro,
col cuore in ombra tra dubbi e paure,
a migliaia, s'abbandonano al sogno.

E come Aironi migrano
tra le porte del  mondo,
con un lieve battito d'ali.



Tela antica (A mia nonna)



I solchi sul volto,
la pelle di lavanda e luna.

Il grembiule sulla gonna lunga,
ampia e avvolgente come un abbraccio.

La scala di pietra, lastricata di sospiri;
il camino, sepolcro di notturni pensieri.

Ricordi che affiorano mentre la terra trema
e squarcia impietosa quell'antica tela.

E gli occhi miei, di macerie e lacrime,
attoniti a guardare.





Senza mare


 

Il battito dei sensi si arrestò
e lentamente abbandonò la scena.

Divenne spettatore
per un tempo che le parve breve,
ma incessanti fluirono i lustri,
come fiume sotterraneo al mare promesso.

Quel mare che non fu scrigno di ricordi,
quel mare senza incanto
che mai navigò.

 
 

 


Il fardello




L'addio tuonò impietoso
e ad ogni passo lontano da noi
il cielo sgretolavi un po'.

Il fardello disseminavi nel sentiero
e tra gli aceri rossi svanivi leggero.





Il confine



Attimi ciechi tra rivoli di luce
sospesi come ponti su torrenti in piena.

Attimi donati per un sorso di pace
tra un conato e l'altro di vita.

Attimi a migliaia 
disseminati tra le rughe levigate dei sogni 

Quanta vita ignorando il confine 
tra l'attimo e l'ignoto!

E ora guardalo là, l'infame
a godersi la rivincita
mentre affila l'abbagliante lama.




Anime in transito






Ecco la presentazione del mio secondo libro di poesie che uscirà il 19 Novembre:

Un abbraccio e un ringraziamento speciale a Pino Ruscitti per la bellissima prefazione e per l'immagine di copertina dal titolo: "Parigi, disegno e tempera", realizzato da Pino negli anni '70.
Un grande pittore, un grande uomo!
Grazie ancora di cuore!

“Anime in transito” è una silloge nella quale l’autrice, in una sorta di lirica evocazione, narra di sé e delle sue più profonde, intime sensazioni.

Una narrazione le cui parole diventano armonia, ovvero, esaltazione del pensiero, senza il supporto di una metrica, spesso stantia, di marca crepuscolare.

Brani che rifiutano la banale recitazione. Composizioni in cui l’espressione non limita il pensiero.

Quelle “Anime in transito”, che la creatività poetica di Cesira Fonzi situa in un continuum condizionato, dalle esigenze esistenziali che accompagnano l’umanità, sembrano seguire un tracciato che svanisce, lentamente, nella caligine di orizzonti lontani.

Pino Ruscitti

Oltre




Ora che sei spalle al muro
centrifugato dagli eventi

l'anima batte lenta
e il gelo del disincanto
intorpidisce i sensi.

Eppure guardi ancora
oltre quel mare
con gli occhi di un gabbiano.





Stasera si Spera




Negli occhi le urla di vino ubriache,
sulle labbra il sapore del silenzio.



E mentre nel buio tramonta l'attesa,
si fa sipario il cancello e inizia la scena.

L'ansia si insinua e già tremi al pensiero,
si replica ormai da più di una sera.

Ti avvii verso l'uscio, ascolti i suoi passi:

son fermi, decisi, son quelli di un tempo.

Sospiri e ringrazi quel Dio che hai pregato,
stasera si parla, si dorme, si sper
a






A Pino Daniele




Se vibrare non posso più
tra le tue braccia,
voglio restare qui,
tra queste mura,
finestre spalancate sui sogni.

Qui,
oltre questo silenzio acerbo,
a guardare
vergini melodie e parole,
volteggiare

Qui,
dove orfana di te 
e del mio domani,
posso ancora sognare.


La tua Chitarra

Il mio viaggio



Mi allontanai da me, senza clamore,
e alla vita, scelsi la fuga.

Mi annidai in anime confuse,
mi persi in occhi sconosciuti.


Mi ritrovai tra le maglie
degli errori del passato,
nei labirinti di ansie e paure.


Con cura ricomposi
ogni parte di me,
mi presi per mano,

e proseguii il viaggio.




Giusto il tempo di





Ci sono odori che vivono
tra le rughe del tempo, 

complici 
di attimi eterni, 

essenze 
della nostra esistenza. 

A volte tornano, 
ma quando arrivano 
rimangono per poco, 

giusto il tempo 
di fermare il mondo. 





Attraversami ora




Le sponde hai ormai eroso 
scorrendo in me incessante. 

Attraversami ora 
come fiume in piena, 
e inondami di te. 

Deboli sono gli argini. 






E parli, parli, parli...




E parli,
parli,
parli...

pioggia battente
sui fiori del vento.

Se solo ascoltassi
degli anemoni il canto,

e calda serra
divenisse il tuo abbraccio...



In punta d'animo




C'è un tempo in cui 

si è troppo giovani
 per nutrirsi di ricordi, 
e troppo adulti
per vivere di soli sogni. 

E' il tempo
in cui imprimere un segno 
del nostro passaggio, 
indelebile e unico, 
pur se percorso
 in punta d'animo. 




Nacqui pensiero




Fui, dapprima, pensiero
nel grembo della tua mente,
desiderio, e finalmente linfa.

Linfa che irrora e nutre d’amore,
chi d’amore vive.

Ma prima o poi lo so,
ritornerò pensiero, desiderio,
e perché no,

fluente linfa nuova.